Blog

}

Stai leggendo un post...

Uno Tsunami di emozioni

Domenica notte. Non riesco a dormire.
Troppe le emozioni vissute in questi due giorni al punto che sento la necessità di scriverne.
Ho trascorso l’intero weekend con 16 persone meravigliose che ho avuto l’onore e il piacere di guidare all’interno di un viaggio di condivisione intitolato “Il nostro Teatro Interiore”.
Si è trattato di un intenso percorso tra i propri meandri emotivi, condotto attraverso metodi attivi riconducibili allo Psicodramma e al Playback Theatre.

Se il vero e più antico significato della parola “Comunicazione” rimanda al concetto di “mettere in comune qualcosa”, mi sento di affermare che per due giorni abbiamo messo in comune emozioni e storie personali di una qualità e profondità altrimenti difficile da raggiungere. E il bello è che si è trattato di 16 persone per lo più sconosciute tra loro, che si sono ritrovate all’interno di una sala prove teatrale con la curiosità, l’incoscienza e il timore tipici di chi non sa esattamente cosa succederà in quelle due giornate.

E invece, come per magia (le tecniche psicodrammatiche sono in effetti un po’ magiche), in brevissimo tempo l’ansia è scomparsa, lasciando spazio ad un sorriso, una carezza e persino a un abbraccio (alla faccia del team building!)

Dare, anzi ri-dare dignità alle nostre storie personali, condividendole con un compagno che, a sorpresa, le racconta in prima persona al posto nostro, non è cosa da poco: oltre alla gratificazione di essere stati ascoltati (attività sempre più difficile al giorno d’oggi) e “riconosciuti” dagli altri, abbiamo l’occasione di riscoprire la bellezza della nostra vita. Per dirla con le parole di P., una delle partecipanti, che mi scrive: “La mia vita sentita da F. mi ha commosso e mi ha fatto pensare: quanto è ricca e piena la mia vita! Dare valore alla propria vita: che grande insegnamento!!!”

E poi scambiarsi dei ricordi personali, storie a volte di dolore, di perdite incolmabili e di ferite ancora aperte e poterle rappresentare come fossero pièces teatrali per provare a metabolizzarle una volta per tutte con l’aiuto dei compagni. Riuscire ad ammettere a se stessi di provare rabbia, paura, o di sentirsi scissi, commossi, e altre volte aperti, divertiti, alleggeriti, integrati… in “uno Tsunami di emozioni”, come lo definisce B. (un’altra partecipante). E ricomporre tutti i pezzi come un puzzle che assume la forma di un cerchio di cuscini: il gruppo che accoglie, il gruppo che contiene, il gruppo che sostiene.

Noi formatori, insegnanti, educatori, dobbiamo riconoscere e tener sempre bene a mente la responsabilità e l’importanza del lavoro che svolgiamo, che a volte può instillare o far germogliare il seme del cambiamento nella vita delle persone. Non a caso, scrive F.: “Credo che porterò nel cuore il ricordo di questo weekend per sempre!”

Sono in molti a pensare che gli spettacoli teatrali più belli siano quelli che fanno al contempo piangere e ridere. Beh… durante questo viaggio all’interno di noi stessi, abbiamo riso e pianto, riguardando per due giorni la nostra vita come uno spettacolo tanto difficile quanto meraviglioso.

Commenti

6 thoughts on “Uno Tsunami di emozioni

  1. Arrivata a casa domenica sera ero carica di entusiasmo… ho sommerso mio figlio Diego di racconti !
    ho telefonato ad un’amica e poi ad un’altra per raccontare… per condividere la gioia che provavo.. che provo !!!
    … è stata una bellissima esperienza che ha toccato corde profonde e lasciato tracce nel mio cuore …
    che bello avervi conosciuto!!!
    grazie … mi sono sentita accolta e mi sono sentita senza età … fuori dal tempo, o nel tempo…
    fuori dal mondo, o nel mondo… in armonia…

    GRAZIE !

    patrizia

    • Grazie per le tue parole Patrizia… e grazie a tutto il gruppo. Il post è dedicato a tutte/i voi.
      Un abbraccio grande e a presto!
      Manfredi

  2. Io ho partecipato a questo meraviglioso e magico girotondo d’ umanità’, di dolcezza,di sguardi,di sorrisi di giochi, d’ abbracci, e lo consiglio con il cuore, a tutti coloro che vogliono vivere un viaggio speciale, dove si riassaporano delle emozioni,oramai congelate dal nostro giudizio.!!! Solo vivendolo si potrà capire la sua ricchezza!!!

  3. Carissimo Manfredi,
    Grazie infinite per la dedica e per la professionalità e l’amore con cui ci hai guidato in questo viaggio.
    Mi è sembrato quasi di vivere il rientro da un viaggio vero: la sensazione di arricchimento, di tristezza per il ritorno, la voglia di ripartire, la valigia che a fatica si richiude perché ci si è portati dietro troppe cose.
    Felicissima di aver condiviso un’esperienza simile con creature meravigliose che porterò sempre nel cuore.

  4. Manfredi, lo sai, di te penso che sei un Maestro speciale,
    di teatro e di vita, e nel mio cuore porterò sempre il ricordo di
    questa magnifica esperienza di condivisione e di amore. Grazie alle
    16 “splendide creature” (come qualcuno le ha giustamente definite)
    che mi hanno accompagnata in questo viaggio che, credo, in un certo
    senso non avrà una fine.

  5. Caro manfredi,
    Cari tutti voi che avete partecipato al seminario.
    Scrivo solo ora e mi scuso moltissimo per non averlo fatto prima.
    Non per questo e’ meno importante .
    Con manfredi e’ sempre magia, incontro, condivisione, ricerca
    E scoperta: del se’, dell’anima propria insieme a quella degli altri.
    Si esce con la sensazione di aver guardato dentro noi stessi ed aver
    Visto tanti nostri colori, tante sfaccettature a volte con sorpresa,
    A tratti con le lacrime. Perché …. Siamo così belli!
    Grazie manfredi ti voglio un mondo di bene
    È grazie a tutti voi siete stati unici e irripetibili nel donarvi

Lascia un messaggio

Puoi usare questi HTML tags e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Apri

Photo on Flickr

PLAN BE srl
P.Iva/C.F. 08209430969
Sede legale: Corso Magenta, 74 - 20123 Milano
Sede operativa: Via A. Stradella, 13 – 20129 Milano
LukastDesign10. All rights reserved.

Plan Be on Twitter

  • Plan Be a tutta ginginha! https://t.co/JTvmTNPwOQ
    circa 135 days fa
  • Il 2017 di Plan Be si apre con un nuovo sopralluogo all'estero... dove saranno diretti i nostri eroi? https://t.co/TdDgiSSMwX
    circa 192 days fa